Lorenzo Lipparini

Social Street, cittadini attivi e liberi

Ho partecipato ad un incontro con le Social Street, che si è tenuto giovedì sera al WeMi San Gottardo, promosso dall'Assessorato guidato da Pierfrancesco Majorino nell'ambito del VI Forum delle Politiche Sociali.

Un'opportunità per illustrare come l’Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza Attiva e Open Data, segua e dialoghi con le Social Street e le altre realtà informali attive a Milano, per favorirne la sempre più operosa e fattiva partecipazione al bene ed alla collaborazione civica.

Qui l'incontro integrale ripreso da Radio Radicale.


@llipparini

Cittadino protagonista: democrazia partecipativa in Lombardia

Democrazia e partecipazione: ne abbiamo discusso al partecipato convegno “Cittadino protagonista”, organizzato il 27 marzo su iniziativa del vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia, Maurizio Cecchetti. E’ stato un incontro trasversale e aperto, un “laboratorio di idee” come lo stesso Cecchetti ha voluto definirlo. 

Ho parlato degli strumenti di partecipazione già disponibili per i cittadini milanesi e della necessità di favorire la effettiva partecipazione alla vita democratica attraverso il superamento dei fardelli burocratici ancora imposti ad esempio per la sottoscrizione di proposte di legge di iniziativa popolare e/o referendum. 

Ho ricordato le due proposte di legge regionale di iniziativa popolare, promosse da noi Radicali per l'istituzione del registro dei testamenti biologici e la regolamentazione della cannabis terapeutica. E rilanciato l'impegno di Radicali per una riforma complessiva dell'istituto referendario. Con la nostra proposta - il Referendum Act - vogliamo impedire che l'iniziativa popolare resti appannaggio esclusivo dei grandi partiti e dei sindacati.

Il convegno è stato seguito da Radio Radicale e può essere integralmente ascoltato qui.
Qui invece il link diretto al mio intervento.

 


@llipparini

Rendiconto dell'Assessorato, ad oggi

L'occasione di alcuni articoli sui costi e le attività dell'Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza Attiva e Open Data mi dà l'occasione di intervenire per raccontare ai lettori, che forse non hanno avuto occasione di leggerne in precedenza, in cosa consista il lavoro in corso.

Essere valutati su quanto fatto è giusto, purchè sia chiaro che il metro è politico e la misura non può essere parziale o di comodo, quale è quella delle sole delibere adottate in giunta.

Dal momento dell'insediamento abbiamo inserito Milano nel solco delle migliori pratiche internazionali in fatto di amministrazione aperta aderendo a Open Government Partnership e alla carta Onu anticorruzione Urban Glass, candidando Milano a ospitare il primo Regional meeting per le amministrazioni locali.

Abbiamo dato un forte impulso alla ricerca fondi tramite bandi europei predisponendo e depositando due progetti internazionali. Abbiamo creato l’agenda pubblica degli incontri con i portatori di interesse con l'aiuto delle associazioni che si occupano di trasparenza e rendicontazione e presentato un piano d'azione per migliorare la conoscenza delle informazioni del Comune a partire da bilanci e patrimonio gestito.

Siamo ripartiti con la rendicontazione, che si era interrotta, dello stato di avanzamento delle opere del Bilancio Partecipativo 2015, aderendo al consorzio europeo Empatia per ricevere software e assistenza per la sua riedizione, che stiamo mettendo a punto con i Municipi. Siamo stati fondatori del network Comuninnovano, che unisce gli amministratori locali di tutta Italia sui temi della partecipazione e dell'innovazione, organizzando a Milano il 5° appuntamento per lanciare la Carta della Partecipazione.

Sul versante dell'apertura di dati e informazioni sono stati pubblicati o aggiornati 59 set di dati scaricabili dal portale del Comune, è stato messo a punto e presentato al pubblico il nuovo geoportale contenente le informazioni geografiche su mappa per cittadini e professionisti, e attivato il nuovo servizio di ChatBot Telegram per la consultazione dei dati. L’hackathon Milano@Work organizzato con il Politecnico di Milano ha consentito di selezionare e premiare un team di giovani programmatori che sta sviluppando un servizio per la visualizzazione dei lavori stradali presenti in città.

L'importanza della cultura del dato è stata affrontata in eventi specifici come Cioccodata, con gli imprenditori che hanno creato servizi con i dati del Comune e sarà oggetto della celebrazione dell’Open Data Day all'Acquario di Milano il prossimo 4 marzo. Siamo stati tra i primi Comuni ad adeguarsi al nuovo Freedom of information Act, con eventi di divulgazione specifica e la pubblicazione di informazioni su appalti e gare che garantiscono altissimi standard contro le frodi.

Nel frattempo abbiamo seguito la rilevazione della qualità dei servizi con indagini svolte sulle attività di Amsa, sulle Case Vacanza, su Milano Ristorazione, sul verde, sugli stage curricolari nel Comune di Milano. Partecipiamo attivamente al progetto della Camera arbitrale di Milano per la mediazione dei conflitti ambientali e a quello per la gestione partecipata dei beni sottratti alla crimialità organizzata. Abbiamo incontrato le Social Street milanesi e messo a punto un registro per raccoglierle e avviare un lavoro comune con tutti i cittadini attivi di Milano.

Questo per dare uno spaccato molto parziale dei fronti di lavoro aperti, presentati ai Consiglieri comunali nel corso di svariate Commissioni e forse ancora poco raccontate dalla stampa.


@llipparini

Caro Comazzi, basta un clic

Il consigliere Gianluca Comazzi (Forza Italia) mi ha rivolto un'interrogazione il 26 gennaio scorso sul tema “Assessorato alla Partecipazione”. La quasi totalità delle informazioni richieste era già disponibile online, direttamente dalla mia pagina istituzionale sul sito del Comune. Bastavano insomma solo un paio di clic!

Qui di seguito il testo della risposta. In fondo alla pagina il documento protocollato notificato al Consiglio.

1) Dove sono ubicati gli uffici dell’Assessorato alla Partecipazione e di quanti vani siano composti e il totale dei metri quadrati;

Gli uffici dell’Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open Data sono ubicati in Piazza Duomo 19, quarto piano, e si compongono di 4 vani.


2) Stipendio annuale o indennità annuale dell’Assessore Lorenzo Lipparini ed eventuali altri rimborsi spese ricevuti in questo caso fino al 31 dicembre 2016;

L’indennità lorda dell’Assessore Lipparini dalla data di assunzione dell’incarico, 29.06.16, al 31.12.16 ammonta a Euro 35.979,94.

L’informazione è disponibile online sul Portale del Comune di Milano nella sezione “Amministrazione trasparente”. 

L’informazione è accessibile direttamente dalla pagina istituzionale dell’assessore.

Gli importi dei rimborsi per viaggi di servizio o missioni dal 29.06.16 al 31.12.16 ammontano a Euro 1.481,95.

L’informazione è disponibile online nella sezione “Amministrazione trasparente”. 

L’informazione è accessibile direttamente dalla pagina istituzionale dell’Assessore.

 

3) Qual è l’importo annuale destinato ai collaboratori che lavorano nella segreteria dell’Assessore Lipparini in Art. 90 e relativo stipendio e Curriculum di ciascuno;

L’importo lordo relativo ai tre collaboratori dell’Assessore Lipparini in Art. 90, assunti con contratto semestrale da settembre 2016 a febbraio 2017, ammonta a Euro 43.809,43.

L’informazione è disponibile online sul Portale del Comune di Milano nella sezione “Albo Pretorio”: 

L’informazione sul costo dei collaboratori è anche accessibile direttamente dalla pagina istituzionale dell’assessore.

Il Curriculum Vitae di ciascuno dei tre collaboratori dell’Assessore - Simona Bonfante, Francesca Maria Montemagno, Claudio Uberti - è disponibile nel Portale del Comune di Milano, nella sezione “Amministrazione Trasparente”.

I curriculum dei collaboratori sono accessibili direttamente dalla pagina istituzionale dell’Assessore.
 


4) 
Quanti e quali altri collaboratori, anche dipendenti comunali, lavorano nella segreteria dell’assessore Lipparini;

Nella segreteria dell’Assessore lavorano le seguenti due dipendenti comunali:
- Regina Quaraniello, Collaboratore amministrativo B3
- Claudia Scipioni, Istruttore dei servizi amministrativo-contabili C3.


5)  Di quale strumentazione è dotato l’Assessore e i suoi collaboratori (art.90 o dipendenti comunali) e cioè quanti computer, tablet e cellullari con relative utenze telefoniche a carico del Comune. Eventuali pass per le corsie preferenziali e per la sosta sia per l’Assessore che per i suoi collaboratori in art.90 (quanti pass erogati):

L’Assessore, i suoi tre collaboratori Art.90 e le due dipendenti di segreteria hanno in dotazione una postazione di lavoro composta da computer desktop e telefono fisso ciascuna. Sono inoltre a disposizione dell’Assessorato:

3 Telefoni cellulari

1 Tablet

0 PC portatili

0 Pass corsie preferenziali

0 pass sosta

 

6)  Quante delibere e oggetto delle stesse sono state prodotte fino al 31 dicembre 2016 dall’Assessorato in capo a Lipparini e quindi approvate in giunta;

Fino al 31 dicembre 2016 l’Assessorato ha portato in Giunta, ricevendone l’approvazione, la delibera N.2072 per la Concessione di patrocinio comunale all'evento Hackathon “Milano@work”, organizzato e promosso dal Politecnico di Milano, e svoltosi il 17 e 18 dicembre 2016 a Milano. Il provvedimento non ha comportato spesa.

La delibera è stata approvata in Giunta il 06.12.2016.

L’informazione è disponibile online sul Portale del Comune di Milano, nella sezione “Albo Pretorio”.

 

7)  Se è in dotazione all’Assessorato in capo a Lipparini o alla sua Direzione Centrale un auto o più auto di servizio e se siano mai state utilizzate dall’Assessore Lipparini e in quale occasione per scopi istituzionali.

 

L’Assessorato non dispone di auto di servizio propria.

Dal suo insediamento, l’Assessore Lipparini si è avvalso del servizio in car-sharing per scopi istituzionali nelle occasioni qui di seguito dettagliate:

2016

GIORNO

EVENTO

AUTISTA

06/10/2016

AMSA - Via Olgettina per incontro di lavoro su servizi erogati

MAGGIOLINI

07/10/2016

Cascina Nascosta per Convegno su progettazione partecipata

FERRARI

12/10/2016

Visita alla Casa volontariato di Via Orsini 21, Villa Scheibler (Quarto Oggiaro)

DEL PRIORE

09/11/2016

Excelsior Hotel Gallia per evento del Consolato Americano

FERRARI

16/11/2016

BASE Milano per partecipazione a Convegno Sharitaly

CODEGHINI

17/11/2016

Conference Centre Milano Congressi per convegno Eurocities

CODEGHINI

01/12/2016

Incontro di lavoro in Villa Necchi su rigenerazione urbana

MINGRONE

13/12/2016

Parco Ravizza per incontro su riqualificazione scalo romana

FERRARI

17/12/2016

Fabbrica del Vapore e Politecnico di Milano per partecipazione ad Hackathon Open Data

FERRARI

21/12/2016

Palazzo Marino per partecipazione a Consiglio Comunale

OLIVE

 

2017


 

GIORNO

EVENTO

AUTISTA

12/01/2017

Palazzo Moriggia per evento Assessorato Cioccodata

CASTELLI

19/01/2017

BASE Milano Via Bergognone per convegno PON Governance

FERRARI

24/01/2017

Politecnico di Milano Via Comelico per incontro con Studenti

FILOMENO

Qui di seguito, la risposta all'interrogazione firmata e protocollata.

 

 

@llipparini

Benvenuti del Geoportale del Comune di Milano

Oggi alla Triennale abbiamo presentato il Geoportale del Comune di Milano, un'infrastruttura delle informazioni geografiche che permette di leggere il territorio in maniera dinamica, accompagnandone anche visualmente l'evoluzione.

Le geo-informazioni favoriscano l'ecosistema digitale della città che comprende l'Amministrazione, i cittadini, le imprese, le università, i city user: insomma, un beneficio per tutti.

Questo gran bel lavoro è realizzato dal SIT, il Sistema Informatico Territoriale del Comune di Milano, sotto la responsabilità del bravissimo Bruno Monti.

Qui il video-servizio di Omnimilano sull'evento di presentazione.

Buona geo-navigazione!


@llipparini

Trasparenza in Comune, le mie segnalazioni

Su Il Giornale di domenica 19 febbraio Chiara Campo ha intervistato il consigliere del Movimento Cinque Stelle, Gianluca Corrado. Nell'intervista, intitolata «Cocco in conflitto. E non è l'unica», la giornalista sostiene che “la segnalazione sulla mancata pubblicazione dei 730 però non è partita dall'assessorato alla Trasparenza”.

E invece sì, Chiara: è stato proprio l’Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open Data a segnalare in diverse occasioni agli uffici competenti e alla Segreteria Generale del Comune di Milano, tutte le inadempienze e i ritardi riscontrati rispetto agli obblighi di pubblicazione previsti dalla legge sulla trasparenza. Tutti! 

Questo è avvenuto in modo più puntuale già il 4 novembre 2016, rispetto alla pubblicazione della dichiarazione dei redditi da parte di diversi soggetti obbligati, e nuovamente il 28 dicembre 2016 e il 13 gennaio 2017 sulla completezza delle dichiarazioni. 

Ciò con attenzione alle previste procedure e nel rispetto della normativa e dei reciproci ruoli.

Ci tenevo a precisarlo.

Qui il link al Piano per l'Accesso ai dati e alle informazioni, sviluppato dall'Assessorato.

@llipparini

Le mie spese elettorali

Ho consegnato lo scorso ottobre alla Segreteria Generale del Comune di Milano tutte le dichiarazioni richieste per legge, comprese quelle sulle spese sostenute per la campagna elettorale. Le spese elettorali però la Segreteria Generale non ha ritenuto di doverle pubblicare. 

Le pubblico dunque io qui insieme alla ricevuta di consegna dei documenti.

 

@llipparini

La trasparenza oltre “Amministrazione Trasparente”


L'accesso ai dati e alle informazioni non è solo una questione di “quantità” (quante informazioni e dati l'amministrazione rilascia) o di tipologia delle informazioni - quelle obbligatorie per legge: è soprattutto una questione di “qualità” delle informazioni oltre che della loro effettiva accessibilità.

Dunque come rendere effettiva l'accessibilità troppo spesso ancora solo “formale” delle informazioni rilasciate dall'Amministrazione? E come dare corpo allo spirito del Foia favorendo la reperibilità delle informazioni, oggi che la legge conferisce al “cittadino qualunque” il diritto di accedere a qualunque informazione, anche senza interesse diretto o specifico?

Abbiamo analizzato come il Comune di Milano pubblica i propri dati. Abbiamo consultato cittadini e associazioni e verificato gli accessi sul portale. Ne abbiamo ricavato un Piano per l'Accesso ai dati ed alle informazioni elaborato dall’Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open Data che è stato discusso giovedì 16 febbraio in Commissione congiunta, Trasparenza e Antimafia, del Consiglio comunale.

Il piano è frutto di un lavoro di analisi e monitoraggio, recepimento delle buone pratiche e mappatura degli strumenti - molto spesso a costo zero per l'Amministrazione grazie ad associazioni come Transparency International, Diritto di Sapere, Riparte il Futuro, Parliament Watch, ma anche agli strumenti  messi a disposizione dalle stesse agenzie di governo - come il tool OpenPartecipate sviluppato da Open Coesione, che consente di tracciare le attività delle aziende partecipate in modalità intuitiva anche per il meno esperto dei cittadini.  

Il Piano per l'Accesso ai dati e alle informazioni dell'Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open Data del Comune di Milano, può essere scaricato qui.

E se vi va di proporlo al più ampio dibattito pubblico, condividetelo!




@llipparini

Voce del verbo Partecipare

Una giornata dedicata alla partecipazione civica, alla collaborazione, alla progettazione partecipata degli spazi e la vita sociale urbana: è stato questo “Voce del Verbo Partecipare”, il workshop promosso dall’Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza attiva, Open Data del Comune di Milano con il network #ComunInnovano lanciato da Flavia Marzano, innovatrice tra le più determinate e oggi Assessora a Roma Semplice.

Abbiamo discusso e lavorato con associazioni, università, amministratori, attivisti ed insieme abbiamo stilata la “Carta della Partecipazione” - una base concettuale, un'insieme di linee-guda per generare un ecosistema partecipativo diffuso, efficace, semplice.

Siamo già tutti al lavoro. Manteniamoci motivati e manteniamoci in contatto!

Qui la registrazione video di Radio Radicale.


@llipparini

La Memoria dell'Olocausto, tra Rom, Sinti e gay

Il 25 gennaio, in memoria dell'Olocausto di rom e sinti, è stato proiettato in Sala Alessi, a Palazzo Marino il film documentario “Opre Roma!” di Paolo Bonfanti. L'incontro è stato promosso dall'Assessorato alla Partecipazione, Cittadinanza Attiva e Open Data del Comune di Milano e dalla Consulta rom e sinti di Milano, e nasce su inziativa di Dijana PavlovicPavlovic e Paolo Cagna Ninchi Ninchi, che insieme al presidente del Museo del viaggio “Fabrizio De Andrè” Giorgio Bezzecchi e l’assessore alla cultura della Comunità ebraica di Milano Davide Romano, hanno animato il bellissimo incontro.

Il giorno successivo, giovedì 26, abbiamo invece ricordato l’Omocausto, con un flash mob in ricordo della persecuzione dei gay. L'iniziativa è stata organizzata dal comitato Arcobaleno di Milano, all'interno delle iniziative di celebrazione del Giorno della Memoria



@llipparini